SUCCESSO DELLA 40^ EDIZIONE DEL RALLY DELL'APPENNINO REGGIANO

SAN POLO. Successo della 40^ edizione del Rally dell’Appennio reggiano organizzato dal Grassano Rally Team e dall’Automobile Club Reggio Emilia con il patroicnio dei Comuni di San Polo, Canossa, , Vetto, Casina, Carpineti, Castelnovo Moti; Reggio Emilia e della Provincia di Reggio.
 
Damiano De Tommaso, 23 enne di Ispra (Varese), e Giorgia Ascalone, coetanea di Maglie (Lecce), sono i vincitori della spettacolare 40° edizione del Rally Appennino  Reggiano, prima prova della International Rally Cup.
 
Il successo dell’equipaggio a bordo di una Skoda Fabia (classe R5) di Munaretto è maturato proprio nella frazione conclusiva: staccato di 11”7 dai battistrada lariani Paolo Porro e Paolo Cargnelutti, De Tommaso ha strappato il successo all’incredulo rivale nei ventuno, viscidissimi chilometri della prova di Trinità, rifilando alla Ford Focus (WRC) 18”8. La condotta di De Tommaso ha messo in luce una volta di più tutto il talento di quello che è senz’ombra di dubbio uno dei migliori giovani rallysti italiani e rappresenta un inequivocabile segnale per tutti coloro che vorranno battersi per il titolo della International Rally Cup 2019.
 
Porro e Cargnelutti si consolano con la vittoria del ‘Memorial Fabrizio Tosi’ grazie al miglior tempo assoluto staccato nei due passaggi sulla prova di San Polo.
 
Il terzo posto è dei migliori locali: il carpinetano Gianluca Tosi ed il castelnovese Alessandro Del Barba (Skoda Fabia – R5) hanno confezionato una prestazione maiuscola, cogliendo un podio tutt’altro che scontato.
 
 
 
RALLY NAZIONALE
Vittoria come da pronostico per il matildico Roberto Vellani ed il pavullese Luca Amadori, in gara su Peugeot 208 (R5). L’equipaggio emiliano ha rimontato con veemenza dopo il testa-coda di sabato, che l’aveva fatto precipitare a 27” dai leader Beggi-Alicervi (Skoda Fabia – R5).
LA CLASSIFICA FINALE (PRIMI DIECI CLASSIFICATI): 1. De Tommaso-Ascalone (Skoda Fabia R5) in 1:35'53.4; 2. Porro -Cargnelutti (Ford Fiesta WRC) a 7.1;  3. Tosi-Del Barba (Skoda Fabia R5) a 1'33.2; 4.Re -Turati (Skoda Fabia R5) a 2'22.5; 5. Rusce -Farnocchia (Volkswagen Polo R5) a 2'25.6; 6. Roncoroni-Brusadelli (Skoda Fabio R5) a 5'54.0; 7. Giacobone-Cicognini  (Skoda Fabia R5) a 6'26.6; 8 Ferrarotti-Fenoli (Renault Clio R3T) a 6'57.2; 9. Nicoli-Romei (Peugeot 208 R2B) a 9'17.7; 10. Belli-Albertini (Mitsubishi Evo X R4) a 9'31.1.
 
Il commento di Alen Carbognani, presidente del Grassano Rally Team
 
Grande la soddisfazione  di Alen Carbognani, presidente del Grassano Rally Team, che commenta:  “Sono stati giorni duri ,e non sono finiti , pieni di imprevisti ma che i ragazzi sono riusciti a riparare correndo come dei matti. In 5 anni siamo passati da un piccolo rally day ad un Rally Internazionale IRC 2019. Tanta soddisfazione! Ma siamo consapevoli che possiamo migliorare nella gestione, non solo a livello sportivo ma anche di viabilità. Nel complesso possiamo essere soddisfatti del risultato finale. 
Tanta gente ,specialmente sabato, bellissima partenza a Reggio, al top le verifiche al venerdì a Ciano. Anche il pubblico delle prove è stato perfetto.
Il tempo ci ha un po’ danneggiato domenica ma fa lo stesso.
Ringrazio tutti quelli che hanno collaborato con noi in tutti questi giorni. I Comuni che ci hanno permesso di fare le prove speciali. 
E sopratutto San Polo e Canossa che sono stati il cuore del Rally.
Ringrazio tutti i nostri sponsor che credono nel nostro progetto e Aci di Reggio che è sempre con noi ogni giorno. 
Come presidente ringrazio di cuore i ragazzi del Grassano Rally Team per l'impegno che hanno messo in questo 10 giorni.
Siamo pronti per la 41^ edizione del Rally Appennino Reggiano 2020.”.
 
 
 
 Nella foto: Alen Carbognani (terzo da sx accovacciato) con il gruppo del Grassano Rally Team

 
 
 
Daniela Salati
Ufficio Stampa Comune San Polo
danielas@comune.sanpolodenza.re.it
328 750 80 70
 


Ultimo aggiornamento: 08/04/19