NUOVO BONUS IDRICO

NUOVO BONUS IDRICO
Dal 1° Luglio 2018 cambiano le modalità di accesso agli sconti in bolletta: le categorie che ne hanno diritto potranno fare richiesta del bonus idrico nazionale e a quello integrativo regionale contestualmente  al bonus gas e luce.

Cambia così l’accesso ad un servizio che ATERSIR (Agenzia Territoriale dell’Emilia Romagna per i servizi idrici e i rifiuti) erogava fin dal 2014 e che, da quest’anno, andrà ad integrarsi al “Bonus sociale idrico nazionale” introdotto dall’Autorità di regolazione (ARERA) al fine di uniformare per l’intero territorio nazionale l’erogazione delle agevolazioni, collegando le richieste ai bonus di luce e gas.

Gli utenti che faranno richiesta per il bonus nazionale dovranno sottoscrivere l’apposita informativa (reperibile presso i Comuni, i gestori e ATERSIR) necessaria per estendere l’applicazione al bonus idrico integrativo. Sarà possibile presentare richiesta per entrambi i bonus idrici contestualmente alla richiesta dei bonus luce  e gas.

REQUISITI PER RICHIEDERE IL BONUS

Hanno diritto al bonus integrativo tutti gli utenti domestici in condizione di disagio economico e sociale che ottengono il bonus sociale idrico nazionale (nuclei familiari con Isee inferiore a 8.107,50; fino a 20.000 euro se ci sono più di tre figli fiscalmente a carico; utenti già titolari di Carta Acquisti o ammessi al Reddito di Inclusione). Il bonus nazionale copre il consumo di 50 litri quotidiani (18,25 metri cubi l’anno), il quantitativo minimo stabilito per legge come soglia per soddisfare i bisogni personali. Il bonus aggiuntivo ATERSIR riconoscerà, per ogni componente del nucleo famigliare, il 50% della tariffa di fognatura e il 50% della tariffa di depurazione proporzionati ad un consumo minimo teorico sempre pari a 18,25 mc.
Per gli utenti diretti, intestatari di una fornitura domestica, l’agevolazione sarà riconosciuta attraverso una decurtazione in bolletta, pari al valore del bonus idrico riconosciuto. Gli utenti condominiali riceveranno dal gestore un contributo una tantum mediante accredito su conto corrente bancario o postale o con il recapito di un assegno circolare.

COME PRESENTARE DOMANDA

La raccolta delle richieste avverrà tramite i Comuni o l’azienda pubblica o l’ente dagli stessi individuati, i quali verificheranno la correttezza della documentazione presentata e la sussistenza dei requisiti.
Per i residenti nel Comune di San Polo le richieste vengono accolte allo Sportello Sociale nei seguenti giorni e orari di apertura:
Lunedì / Mercoledì / Giovedì / Sabato  dalle 9:00 alle 13:00
Per maggiori informazioni: 0522/241746 – mail: sociale.sanpolo@unionevaldenza.it
 


Ultimo aggiornamento: 06/07/18